Alchimia Vincente: strategie di pensiero e nuove abilità

La colonizzazione del mondo virtuale si sta dimostrando la bolla epica che ha già cambiato il destino dell’umanità e ci sta preparando a un nuovo salto quantico. L’ansia da iper-informazione e la sindrome da Googlista sono le nuove patologie emergenti. Quello che sta accadendo è una trasformazione senza precedenti e noi non siamo solamente testimoni, ma protagonisti.

Il mondo degli affari è cambiato, dentro alla parola “crisi” c’è anche un gap generazionale nato dal disorientamento e dalla staticità di chi si è stato svegliato a padellate in testa in un mondo completamente diverso.

Se mi chiedi quali sono i fondamentali per costituire un business solido e soddisfacente nel mercato di oggi, ti rispondo:
1) consapevolezza di Sè
2) abilità di passare da una macro a una micro visione (e contrario) in tempi ridotti, al fine di riconoscere la bontà dei passi che stiamo compiendo, spesso buoni nel breve termine e molto meno nel lungo.

La formazione continua, condensata ed esperienziale, è il miglior mezzo per procedere nella direzione dei propri obiettivi, tuttavia, l’ampiezza dell’offerta presenta scenari spesso contraddittori e confusionari, che distraggono i professionisti dal riconoscere cosa possa essere veramente d’aiuto.

Analizzando le parole di Steve Jobs, uno dei personaggi più influenti dell’epoca moderna, durante il celebre discorso agli studenti dell’Università di Stanford, rifletto su di un concetto che potrebbe essere d’aiuto nel prendere la decisione d’investire Tempo e denaro in qualsiasi evento che contribuisca ad avvicinarsi al miglior risultato nel minor tempo:

“Il Reed College all’epoca offriva probabilmente la migliore formazione del Paese in calligrafia. In tutto il campus ogni poster, ogni etichetta, ogni cartello era scritto a mano con grafie bellissime. Dato che avevo mollato i corsi ufficiali, decisi che avrei seguito il corso di calligrafia per imparare a scrivere così. Fu lì che imparai i caratteri Serif e Sans Serif, la differenza tra gli spazi che dividono le differenti combinazioni di lettere, quello che rende eccezionale un’eccezionale stampa tipografica. Era bello, storico, artistico e raffinato in un modo che la scienza non è in grado di offrire e io ne ero completamente affascinato. Nessuna di queste cose però aveva alcuna speranza di trovare un’applicazione pratica nella mia vita. Ma dieci anni dopo, quando ci trovammo a progettare il primo Macintosh, tutto quello che avevo imparato mi tornò utile. E lo utilizzammo tutto per il Mac. E’ stato il primo computer dotato di una bellissimo tipografia. Se non avessi mai lasciato il college e non avessi mai partecipato a quel singolo corso, il Mac non avrebbe probabilmente mai avuto caratteri tipografici differenti o font spaziati in maniera proporzionale. E dato che Windows ha copiato Mac, è probabile che non ci sarebbe stato nessun personal computer con quelle capacità. Se non avessi mollato il college, non avrei mai frequentato quel corso di calligrafia e i personal computer potrebbero non avere quelle stupende capacità tipografiche che ora hanno. Chiaramente, quando ero al college, era impossibile unire i puntini guardando al futuro. Ma è diventato molto, molto chiaro dieci anni dopo, quando ho potuto guardarmi indietro. Di nuovo, non è possibile unire i puntini guardando avanti; potete solo unirli guardandovi indietro. Dovete aver fiducia che, in qualche modo, nel futuro, i puntini si potranno unire. Dovete credere in qualcosa – il vostro ombelico, il destino, la vita, il karma, qualsiasi cosa. Questo tipo di approccio non mi ha mai lasciato a piedi e ha sempre fatto la differenza nella mia vita.

Steve Jobs, prototipo del self made man di successo e ispiratore, ha dimostrato come una laurea, una certificazione o un attestato di qualsiasi tipo, non abbiano più valore del vero pezzo di carta che sono.

Cosa fare allora mentre nel 2013 il tasso di disoccupazione per i giovani laureati sale incessantemente?
Formarsi, informarsi, crescere.
Investire sulla crescita personale, definisce il valore che dai a te stesso e chiarisce l’orizzonte dei tuoi obiettivi personali

Esistono due aree di sviluppo che puoi considerare:
1) quelle inerenti le strategie di pensiero e l’assimilazione di nuove esperienze non necessariamente attinenti al tuo ambito di operatività,
2) quelle inerenti nuove o approfondite abilità, legate strettamente al tuo profilo professionale.

La continua implementazione in entrambe le aree, offre la possibilità di analizzare la realtà da una prospettiva più ampia e cogliere il valore della versatilità.

Qualcuno scrisse che coltivare il proprio giardino è una necessità, io ci ho creduto e ci credo ancora oggi. Per quanto mi riguarda informazione ed esperienza hanno un valore determinante nelle scelte che facciamo e saper riconoscere in anticipo come muoversi, si traduce nella qualità di vita che faremo.

Potremmo approfondire quest’argomento molto di più, ma questo è un blog, meglio scrivere cose semplici e immediate. Il mio invito per questa settimana è quello di riflettere su quali nuove abilità potrebbero esserti di aiuto nel tuo lavoro o quali esperienze potresti fare per migliorarti.  

Ti auguro di trovare cose che ti piacciano e risposte interessanti.

Un saluto.

Giacomo